sabato 22 aprile 2017

a Milano

c'è poca gente: questo il commento più diffuso in fiera. Per noi poca gente ha significato poter fare interviste tra uno stand e l'altro e dentro gli stand senza troppo rumore, spostarci velocemente da una parte all'altra, poterci persino mangiare un panino e andare in bagno senza fila: una pacchia! L'allestimento è bello, colorato, accogliente. Sembra un salone di Torino formato giocattolo. Continuo a pensare che questi non siano i contesti migliori per presentare i libri: sono dispersivi, c'è troppa roba, ci sono troppi autori, troppi libri esposti... Pierluigi si è rivelato molto efficiente e disponibile, alle sei non ci voleva mollare, pretendeva che prendessimo il treno con lui invece della nostra metropolitana. Ieri è partito lui, oggi parte Carolina e domani presidio da sola la fiera. Sigh

Nessun commento: