giovedì 13 aprile 2017

Il valzer degli alberi e del cielo

ne Il valzer degli alberi e del cielo (tradotto da Francesco Bruno per Salani) Jean-Michel Guenassia dà voce alla figlia di Gachet, il dottore ritratto da van Gogh in Bretagna. Marguerite, una diciannovenne orfana di madre, appassionata di pittura, resta folgorata dalle tele dell’uomo che suo padre ha accolto in casa su invito di Pisarro e presto cade tra le sue braccia. Il van Gogh di Guenassia è un trentasettenne nel pieno della sua stagione creativa, energico, entusiasta; si lascia amare dalla ragazza, ma non le promette nulla, per lui conta solo la pittura. Romanzo a tinte forti (Marguerite odia il padre, che considera un ignobile taccagno, ignorante di arte, che le impedisce di studiare e si oppone alla sua felicità), Il valzer degli alberi e del cielo, oltre a raccontare questo ipotetico legame, offre una sua versione della morte del pittore e sostiene che molti dei suoi quadri risalenti a quel periodo sono falsi. Guenassia alterna la narrazione in prima persona  con cronache d’epoca e brani di lettere; da avvocato si è reinventato autore di libri di successo. Chissà se anche questo incontrerà il favore del pubblico.

Nessun commento: