domenica 23 aprile 2017

l'intervistificio

oggi la mia attività di intervistatrice ha conosciuto un'impennata, ma anche se il risultato è stratosferico il gioco era truccato: di interviste vere, corrispondenti a libri letti, ho fatte sette, mentre le altre dieci erano solo dichiarazioni dei partecipanti alla tavola rotonda sulla lettura come benessere.  Comunque tutta roba da riascoltare, da montare, da accompagnare con un testo... ora mi godo la sensazione del lavoro fatto e di star seduta in treno, e finalmente mi rimetto a leggere (devo finire l'agghiacciante sedie rosse della O'Brien). Aylet Gunder Goshen simpatica e intelligente come me l'aspettavo, Walter Siti mite, Ferrandino un po' spiritato, Drury scostante (ma l'aveva provato una lunga intervista telefonica con una giornalista che si faceva tradurre quello che lui diceva dalla editor: una tortura, per fortuna che sua moglie lo accarezzava mentre parlava). Una bella stanchezza la mia.

Nessun commento: