martedì 30 maggio 2017

Enciclopedia della donna


Amanda ha cinquantatré anni e, praticando molto sesso, ha deciso di condividere con il pubblico ciò che ha ricavato dall’esperienza di una vita. Da bambina sedeva sull’Enciclopedia della donna, una raccolta di fascicoli che conteneva tutto quello che si supponeva le ragazze dovessero conoscere; mancava la voce “fica” e Amanda si ripropone di colmare questa lacuna con il suo Aggiornamento. S’intitola proprio così Enciclopedia della donna, Aggiornamento, il nuovo libro di Valeria Parrella, pubblicato da Einaudi. Capitolo dopo capitolo Amanda ci mette a parte dei suoi gusti sessuali (meglio la manovalanza e i colletti bianchi che gli intellettuali, sempre troppo romantici o troppo spacconi o troppo mistici), del suo modo diretto di rivolgersi agli uomini (lui dice ci vediamo, lei chiede, per scopare?), del criterio che orienta i suoi favori (“li scelgo solo tra quelli che ci provano senza tergiversare o tra quelli che non ci provano affatto”). Ci racconta di sé: insegna architettura, ha due gemelli, ha lasciato il marito archistar, ha un amante che la soddisfa ma la storia sta finendo perché prova gelosia per sua moglie e non le piace provarla; per i cinquant’anni di un’amica sceglie con le altre un sex toy da portarsi a casa; dopo aver accompagnato i figli a scuola, torna a vedersi un porno (purché duri meno di un quarto d’ora). Mi ha lasciato molto perplessa questo libro di Valeria Parrella: dovrebbe essere leggero e invece è pesante; dovrebbe essere sfrontato e invece è didascalico; dovrebbe sprizzare autenticità e invece suona artefatto; dovrebbe essere allegro e invece è tombale.

Nessun commento: