lunedì 5 giugno 2017

i viaggi di mia sorella


dopo il week end rigenerante al mare con il padre, mia sorella è pronta per uno dei suoi folli viaggi. Suo marito parte mercoledì per il Kirghizistan, dove l'anno scorso hanno lasciato la loro vecchia macchina, la rimette in moto, e sabato lei lo raggiunge con un volo Zurigo-Istanbul-Biškek. Da lì attraverseranno la Cina e il Tibet, arrivando fino in Laos. Dovranno passare tre giorni in frontiera a sbrigare pratiche: già sanno che lì non ci sono alberghi; dormiranno in tenda in un posto affollato di camion. In Cina avranno un uomo a bordo perché non è permesso viaggiare da soli. La macchina non ha l'aria condizionata, viaggiano con i finestrini aperti, prendendo insieme al vento tutta la polvere. Staranno fuori un mese e più che una vacanza mi pare una prova di coraggio e di resistenza (e non sono due ragazzi ma una coppia matura tra i cinquanta e i sessanta). Li seguiremo trepidanti via blog. Finalmente un blog con qualcosa da dire.

Nessun commento: