lunedì 26 febbraio 2018

nella neve

io prudentina svegliandomi piena di messaggi sulla neve nella chat della palestra ho deciso di prendermi un giorno di vacanza evitando di attraversare in macchina mezza città (per vedere la nevicata sono dovuta salire sulla terrazza condominiale, perché siamo ancora tutti pieni di ponteggi; da lì mi è venuta voglia di fotografare piazza Navona imbiancata e ho fatto una breve passeggiata nel freddo). Mio padre invece, non amando cambiare i suoi piani, è salito stamattina sul treno da Padova e da qualche ora è fermo vicino Orte. Ha fatto amicizia con una nonna di Treviso che sta riportando a Roma i nipoti; ha diviso con lei anche una tavoletta di cioccolato. Il treno non accenna a ripartire e quando scenderà a Tiburtina chissà che tempi per trovare un taxi. Lui continua ad attingere alla sua ampia dotazione di ottimismo, speriamo che basti.

Nessun commento: