martedì 5 giugno 2018

alle Tremiti

fino a Caserta il treno è andato spedito, poi ha cominciato a fermarsi in mezzo alla campagna. Sicura di perdere la coincidenza per Termoli, ho chiamato l’operatore e ci siamo dati appuntamento alla stazione di Foggia. L’imbarco per le Tremiti è stato rapido, anche se c’erano una marea di ragazzi di scuole diverse. Alfredo è un foggiano che ha lavorato tanto per Linea Blu e per Santoro: sembra sapere il fatto suo e apprezza molto la mia parsimonia nel girare. Ieri abbiamo intervistato l’organizzatore di questa mega gita scolastica con laboratori sull’isola e la tizia che ci ha accompagnato per sentieri insieme ai ragazzi (un bellissimo giro in una macchia mediterranea rigogliosa nonostante una parte sia stata distrutta da un incendio); oggi gli scrittori che lavoreranno con piccoli gruppi. Abbiamo riso dell’avida albergatrice che sapendoci della Rai ha provato ad alzare i prezzi e a rifilarci pietanze costose, diverse dal cibo previsto per tutti; abbiamo sofferto dei pizzichi di zanzare furiose. Alle dieci a letto distrutta.

Nessun commento: